Ministero Pubblica Istruzione MIUR

I.S.ME.D.A.è accreditata in forma definitiva, presso il Ministero dell’Istruzione per le attività di formazione manageriale del personale della Scuola

Regione Lazio

I.S.ME.D.A.è accreditata presso la Regione Lazio come struttura formativa per la formazione superiore e continua.

Regione Puglia

I.S.ME.D.A.è accreditata presso la Regione Puglia come struttura formativa per la formazione superiore e continua.

LA PROPOSTA FORMATIVA ISMEDA

PER AFFRONTARE LE PROVE DI ACCESSO AL
TFA SOSTEGNO



ISMEDA ha predisposto un PACCHETTO FORMATIVO per affrontare le prove di accesso al TFA-SOSTEGNO, in base ai seguenti riferimenti:


  1. in seguito all’emanazione del DM 30 settembre 2011, (G.U. 2 aprile 2012, N° 78) ”Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno” il conseguimento della specializzazione per il Sostegno ha luogo attraverso il superamento del TFA-SOSTEGNO; ogni Università emana il BANDO SPECIFICO con indicazione dei posti e delle date delle prove;
  2. il TFA-SOSTEGNO è un Corso di specializzazione, (in cui bisogna acquisire almeno 60 Crediti formativi universitari in non meno di 8 mesi) istituito, su autorizzazione del MIUR, presso le Facoltà Universitarie, a conclusione del quale, previo superamento di un esame finale, si consegue la specializzazione per le attività di Sostegno. Il corso è strutturato in attività di aula e in attività di tirocinio per 300 ore presso le istituzioni scolastiche;
  3. possono partecipare alle prove di selezione, indette dalle Università, solo i docenti in possesso dell’abilitazione all’insegnamento per il grado di scuola per il quale si intende conseguire la specializzazione e che risultino nella graduatoria degli ammessi al corso;
  4. l’accesso al CORSO UNIVERSITARIO TFA-SOSTEGNO è subordinato al superamento di prove preselettive, che si articolano in un Test Preliminare, in una o più Prove Scritte e in una Prova Orale. Le modalità di svolgimento e le caratteristiche delle prove di accesso saranno più analiticamente definite dai singoli Bandi, emessi dalle Università.
  5. Le prove riguardano le competenze socio-psico-pedagogiche diversificate per grado di scuola (infanzia, primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado), e sono volte a verificare il possesso da parte del candidato di:
    • competenze didattiche diversificate in funzione del grado di scuola;
    • competenze su empatia e intelligenza emotiva,
    • competenze su creatività e pensiero divergente,
    • competenze organizzative e giuridiche correlate, al regime di autonomia delle Istituzioni Scolastiche
    • unitamente a capacità di analisi, argomentazione e corretto uso della lingua italiana.
    Si articolano in:
    1. un TEST preliminare, costituito da complessivi 60 quesiti a risposta chiusa con cinque opzioni di risposta, volto a verificare, attraverso la risposta a 40 domande, la predisposizione allo svolgimento delle attività di sostegno e, attraverso la formulazione delle rimanenti 20, le competenze in lingua italiana, anche attraverso quesiti inerenti la comprensione di testi. Il superamento del test preliminare, che ha luogo con una votazione non inferiore a 21/30, permette il proseguimento del percorso di accesso al TFA;
    2. una o più PROVE SCRITTE, definite da ogni singolo Bando Universitario;
    3. una PROVA ORALE, definita da ogni singolo Bando Universitario.